Diffamazione sui social network, dove si realizza secondo la Cassazione

La Cassazione interviene nuovamente sulla diffamazione a mezzo social network, dichiarando inammissibile il ricorso di una laureata che aveva accusato una ricercatrice di averle copiato la tesi di laurea, ma tratteggiando al contempo i confini della diffamazione sui social network.

La Suprema Corte inoltre afferma che la diffusione di messaggi diffamatori su blog di  testate giornalistiche registrate non integra la fattispecie di diffamazione a mezzo stampa.

segue su Il sole 24 ore

Lascia un commento

WeeJay