Caso peppermint: Garante

Caso peppermint: Garante

ROMA – Vietato spiare chi scambia file musicali o giochi su internet. Lo ha stabilito l’Autorità per la privacy che ha chiuso l’istruttoria avviata sul ‘caso Peppermint’, la società discografica che aveva svolto, attraverso una società informatica svizzera (utilizzata anche dalla società Techland con riferimento a software relativi a giochi), un sistematico monitoraggio delle reti peer to peer, o se preferite p2p. La segnalazione era partita da Altroconsumo.

Call Now ButtonCHIAMA ORA!
WeeJay