Consiglio di Stato. Affidamenti in house e Corte di Giustizia

 

consigliostato

Il Consiglio di Stato  ha inviato  alla Corte di Giustizia UE  due questioni pregiudiziali relative ai presupposti del requisito della «prevalente attività» degli affidamenti in house,  ed, in particolare

a) «se, nel computare l’attività prevalente svolta dall’ente controllato, debba farsi anche riferimento all’attività imposta da un’amministrazione pubblica non socia a favore di enti pubblici non soci».

b) «se, nel computare l’attività prevalente svolta dall’ente controllato, debba farsi anche riferimento agli affidamenti nei confronti degli enti pubblici soci prima che divenisse effettivo il requisito del cd. controllo analogo».

 

 

Lascia un commento

Call Now ButtonCHIAMA ORA!
WeeJay