Telemarketing e chiamate dei Call Center. Stop della Cassazione.

Avvocato Roma Studio Legale

Avvocato Roma Studio Legale

La Corte di Cassazione dice basta alle chiamate continue dei call center sui cellulari a scopi pubblicitari.

Il Supremo Collegio chiarisce, con la sentenza n. 2196/2016 della prima sezione civile, depositata il 4 febbraio, i limiti delle chiamate  “mute” e  di quelle con operatore a scopo pubblicitario.

Quanto alle chiamate mute a fini pubblicitari, secondo la Corte il loro uso non rientra “nei canoni della correttezza pertinenza e non eccedenza rispetto alle finalità del loro utilizzo”, con cui vanno gestiti i dati personali ai sensi degli artt. 4 e 11 del Codice della Privacy.
Ciò significa che, per le chiamate “mute” del call center, che si verificano quando l’azienda di telemarketing dispone la chiamata in modo automatico e poi connette un operatore dopo un certo periodo di tempo, occorre comunque il consenso esplicito del titolare della linea fissa o mobile.

continua su Il sole 24 ore

Lascia un commento

Call Now ButtonCHIAMA ORA!
WeeJay