Cassazione: software senza licenza non illecito, se “copia di lavoro”.

diritto d'autore

La detenzione di software non originali non sempre può essere qualificata come illecito e condurre ad una condanna.

La Cassazione in una sentenza della fine di giugno del 2017 ha annullato, con rinvio, la condanna nei confronti di un soggetto accusato di aver detenuto 82 software abusivamente duplicati.

La Cassazione ha ritenuto che “L’art. 171-ter, comma 2, lett. a) della legge n. 633 del 1941 punisce, per quanto qui rileva, colui il quale “riproduce” o “duplica” oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d’autore e da diritti connessi. Ai fini della configurabilità della fattispecie delittuosa in esame è, dunque, necessario che sussista il superamento della soglia quantitativa di 50 esemplari di opere tutelate dal diritto d’autore abusivamente duplicate. Nel caso di specie, la Corte di appello ha affermato che, essendo stati rinvenuti 82 supporti, tra CD e DVD, contenenti programmi informatici duplicati, il delitto dovesse ritenersi pacificamente integrato.”

Ma, continua la Cassazione ”  l’ 64-ter, comma 2 della legge n. 633 del 1941,  attribuisce, “a chi ha il diritto di usare una copia del programma per elaboratore”, il diritto “di effettuare una copia di riserva del programma, qualora tale copia sia necessaria per l’uso”.

continua su NOVA-Il sole 24 ore

WeeJay